I millesimi energetici o millesimi di fabbisogno sono i nuovi millesimi con cui bisogna ripartire le spese di riscaldamento e la manutenzione ordinaria dell’impianto.

  • Ma come si calcolano i millesimi energetici per un condominio?

Per poter calcolare i millesimi di fabbisogno bisogna prima fare i calcoli energetici su tutto lo stabile. Ciò significa che bisogna considerare tutte le strutture disperdenti quali muri, finestre e pavimenti di ciascuna unità immobiliare. Poi bisogna calcolare quanto disperde ogni struttura perimetrale e trovare così per ogni appartamento (o negozio) il suo FABBISOGNO ENERGETICO.

Nei calcoli energetici del condominio bisogna considerare anche eventuali unità autonome e locali ad uso comune (tipo portinerie).

Una volta eseguiti i calcoli, si esportano tutti i fabbisogni di ogni singola unità immobiliare. Arrivati a questo punto bisognerà soltanto correlare tra loro tutti i fabbisogni di energia di tutte le unità riscaldate e calcolarne le percentuali su base mille (da qui il nome millesimi).

  • Okay, ma in parole semplici questi millesimi energetici da cosa dipendono?

I millesimi energetici dipendono da moltissimi fattori. I principali sono:

  • Muri divisori caldi,
  • Superfici fredde disperdenti,
  • Composizione di origine dei muri,
  • Dimensioni finestre,
  • Composizione di origine delle finestre,
  • Altezza dei locali,
  • Ombreggiamenti,
  • Tipo di ventilazione dei locali.

Come avrai capito è impossibile quantificare o anche solo stimare i millesimi energetici prima di fare un progetto. Chi ti promette ciò non è un progettista degno di questo nome e non ha capito costa sta facendo.

Riassumendo: i millesimi variano dalla disposizione del tuo appartamento, quindi se hai un grande appartamento interpiano con sia il pavimento che il soffitto “caldo” può essere che hai meno millesimi di un piccolo appartamento ad esempio al piano terra con il pavimento verso una cantina non riscaldata e con molte pareti perimetrali fredde.

In genere gli appartamenti con i fabbisogni energetici più alti (e quindi di conseguenza con i millesimi più elevati) sono quelli ai piani terra e agli ultimi piani.

ATTENZIONE: per fare i millesimi bisogna considerare il condominio nel suo stato di ORIGINE. Quindi non bisogna contemplare ad esempio eventuali isolamenti aggiunti nel sottotetto o sostituzione di finestre.

Spero di averti chiarito tutti i dubbi che avevi sui millesimi energetici.

P.S. ti ricordo che secondo il Dlg. 102-2014 si è OBBLIGATI a ripartire le spese del riscaldamento con i millesimi di fabbisogno (o energetici) pena sanzioni da 500 a 2500 euro.

Se non hai ancora la tabella millesimale di fabbisogno clicca QUI e contattami.

Se invece hai già una tabella millesimale del condominio, ma temi che i millesimi siano sbagliati clicca QUI che ti spiego come verificarne la correttezza.

Spero di esserti stato d’aiuto, per qualsiasi domanda scrivi qui sotto un commento e cercherò di risponderti il prima possibile.

Un saluto

qwejkljhgfd

Copyright © – Riproduzione riservata